Pianificazione strategica per la sostenibilità

Pianificazione strategica per la sostenibilità

La pianificazione strategica è un percorso complesso e articolato, che investe le dinamiche di governance aziendale, impattando in maniera trasversale la tua organizzazione.

Una pianificazione strategica è un percorso di (ri)strutturazione e di indirizzo delle tue attività in un’ottica di lungo periodo, finalizzato a perseguire e realizzare la visione di futuro desiderato e definito.

L’attività più importante forse è proprio quella di individuare e definire la tua visione di futuro.

Innanzi tutto considera che la tua visione di futuro è una visione della tua organizzazione che coinvolge anche i tuoi collaboratori. E’ quindi bene che il tuo staff collabori attivamente e che contribuisca nel definire la visione, la meta ambiziosa verso cui tendere e verso cui indirizzare la pianificazione strategica delle attività da svolgere.

Avere una visione di futuro condivisa e che sia propria del tuo staff, è un elemento in grado di alimentare il senso d’appartenenza all’organizzazione, elicitare la creatività e il coinvolgimento dei tuoi nel perseguire ed attuare il piano strategico, generare delle dinamiche virtuose in grado di favorire una logica di comando partecipata.

Pianificazione strategica verso un futuro sostenibile.

Qual è la tua idea di futuro? Come immagini la società che vivi tra 5, 10, 15 anni? In che mondo vivranno i tuoi figli alla tua età?

Ad oggi la società occidentale e non solo consuma le risorse del pianeta ad un ritmo di gran lunga maggiore rispetto alla capacità dell’ecosistema di rigenerarsi, ma ancor più lampante agli occhi di tutti è la scarsità di risorse disponibili.

Intere generazioni sono cresciute sotto il dictatum del mito della crescita, che tanta ricchezza ha prodotto e distribuito nella società occidentale, nella media e diffusa miopia che non ci sia limite alla torta da ripartirsi o che, in caso finisca,  ce ne sarà un’altra da produrre e da dividersi..nell’utopia della crescita all’infinito.

La ricchezza prodotta e le dinamiche dei consumi della società hanno portato negli anni ad accumulare prodotti tra i più svariati, per i quali il tempo di transizione da prodotto a rifiuto è diventato sempre più breve.

Transizione prodotto-rifiuto

Ideato dalla New Economics Foundation di Londra, l’”Overshoot day” rappresenta il giorno in cui la disponibilità di risorse annuale è esaurita, e quindi il giorno dal quale,  per soddisfare la voracità dei consumi della nostra società, stiamo usurpando le risorse disponibili per il futuro intaccando la Biocapacità del pianeta di rigenerarsi.

Earth Overshoot Day

Nel 2013 l’Overshoot day sarà il 20 Agosto!

Un’altra conseguenza è l’accumulo di rifiuti da smaltire e gli impatti che questi hanno in termini di inquinamento nell’ecosistema.

Le logiche economiche odierne, sulla scia delle logiche speculative finanziarie, ci hanno poi abituato all’idea del tutto e subito, all’idea che con una piccola quota di capitale, attraverso il meccanismo dell’acquisto e vendita di azioni e obbligazioni, è possibile guadagnare ulteriore capitale puntando sulle previsioni economiche finanziarie dei mercati borsistici, come stessimo giocando alla roulette in un casinò.

La globalizzazione dei mercati ci ha insegnato che in caso di difficoltà (o meno), è possibile spostare la produzione in luoghi in cui le politiche fiscali o del lavoro consentano di avere meno costi, slegando l’attività d’impresa dal territorio nel quale è insediata e in cui si nutre, tralasciando gli impatti socio-economici che ciò comporta, in virtù della costrizione al risparmio dei costi (o in vizio alla massimizzazione del profitto!).

Potremo continuare a lungo..

Una buona notizia è che le coscienze internazionali e l’attenzione media su queste problematiche, grazie anche alla pervasività dei mezzi di informazione, sono in rapida crescita. L’esigenza di cambiamento sostenibile sta ormai diventando un imperativo ed un volano imprescindibile per lo sviluppo.

Uno sviluppo sostenibile consiste nel recupero della misura delle cose e del concetto di limite, e nella ricerca del giusto equilibrio e di una convergenza tra gli obiettivi di:

[unordered_list style=”tick”]

 

  • profitto economico
  • salvaguardia, tutela e valorizzazione dell’ambiente
  • promozione e integrazione sociale

[/unordered_list]

 

sustainable-triple-bottom-line

Nella visione di futuro da definire per la tua organizzazione sei chiamato a guardare con occhi nuovi e svincolarti dai tradizionali ed usurati modelli mentali.

I bisogni della società stanno cambiando; rendi con i tuoi collaboratori attrattiva, entusiasmante e sfidante la visione.

Avendo ben chiaro qual’è la meta di lungo periodo da raggiungere, potrai definire il percorso di pianificazione strategica per il cambiamento (o la realizzazione), della tua idea di business.

La tua visione contiene obiettivi impliciti di visione dai quali scaturiscono obiettivi strategici, che a loro volta si concretizzano in obiettivi operativi da realizzare mediante specifiche attività.

Una corretta integrazione degli obiettivi in risultati di performance economico – ambientale – sociale, e l’ascolto e l’apertura ad un dialogo continuativo con i tuoi Stakeholders sono gli elementi che ti consentiranno di sviluppare un modello di business sostenibile, in grado di perdurare nel lungo periodo e di generare ricadute positive oltre il perimetro della tua organizzazione.

La società sta cambiando; è il momento di metter in moto tutta la creatività e la responsabilità della tua organizzazione per contribuire a superare la crisi odierna e collaborare per costruire un futuro prospero e sostenibile.

Roberto Lorusso
Founder and Ceo Duc In Altum srl

One thought on “Pianificazione strategica per la sostenibilità

  1. […] Strategia intendiamo un piano d’azione di lungo periodo con il quale impostare e successivamente coordinare le azioni tese a raggiungere uno scopo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*