OUTDOOR TRAINING – Team, Équipe, Gruppo, Squadra, Staff, sono vincenti?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

OUTDOOR TRAINING – Team, Équipe, Gruppo, Squadra, Staff, sono vincenti?

Per parlare delle persone che lavorano con te nel titolo ho usato alcuni termini legati all’Outdoor training poco usuali se pensiamo a quelle imprese che considerano i propri collaboratori come, e soltanto, “dipendenti”. La maggior parte delle imprese oggi, invece, sa benissimo che l’azienda, per avere successo, deve organizzarsi in un team affiatato pronto a grandi sacrifici per gestire sfide complesse.
Ho già scritto in altri articoli che “Il benessere di quanti lavorano nell’impresa rappresenta l’elemento fondamentale attorno al quale un’azienda può costruire il suo futuro e il successo”.
Ma sicuramente le squadre, per vincere, hanno bisogno di allenarsi. In azienda? È possibile ma forse un po’ difficile o poco efficace. Io penso, ma non solo io, che è meglio fare un allenamento all’aperto per l’appunto un outdoor training, fuori dalle mura aziendali. In un luogo che consenta di attivare tutte le competenze di una persona (specialmente quelle meno conosciute dai manager) e che aiuti a trovare le giuste motivazioni.
Vogliamo che ci sia empatia? Vogliamo incrementare la performance di ogni persona e dell’intera organizzazione?
Andiamo all’aperto, andiamo tra la natura, andiamo a gustarci il “bello” dei nostri territori.
Di cosa sto parlando? Semplicemente di una tecnica “naturale”, uno strumento concreto, ossia l’outdoor training, che aiuta la tua azienda a mettere al centro il fattore umano.

Cos’è l’OUTDOOR TRAINING?

È una metodologia di formazione esperienziale che comprende una serie di attività a contatto con la natura attraverso le quali si punta a far emergere le potenzialità di ogni persona del team, sperimentare comportamenti organizzativi in contesti nuovi e quindi fare esperienze sulle competenze relazionali o manageriali che si vogliono sviluppare.
Per far ciò queste attività non sono a carattere competitivo ma inducono i partecipanti a favorire l’introspezione e sviluppare la capacità di aiutare gli altri. Esse sono supportate da esperti della formazione manageriale che attraverso l’uso di metafore e l’analisi comportamentale, puntano ad effettuare osservazioni e riflessioni sulle dinamiche del gruppo ed attuare un processo migliorativo.

Cosa si fa? È possibile in Puglia?

Non posso che raccontarti le mie personali esperienze il più delle volte realizzatesi in un itinerario, percorso in bicicletta o a piedi, con visita in masseria o agriturismo in luoghi caratteristici del territorio della Murgia Sud-Orientale come la Valle d’Itria che si presenta incontaminata dalle logiche del turismo di massa e quindi ideale per svolgere l’Outdoor training apprendendo la cultura e godendo della natura rigogliosa.
Gli itinerari a piedi si snodano in piccole stradine di campagna là dove i colori si intrecciano alla trama della sua storia: il bianco di calce della masseria, il rosso della terra, l’argento degli ulivi secolari di Puglia. Durante il cammino il team ha avuto modo di ascoltare e riflettere su testi incentrati sul valore dell’operare di ciascun individuo e di come questo è interconnesso con il lavoro degli altri componenti del team; molto spesso abbiamo trattato temi valoriali e dell’etica personale e professionale (il rispetto reciproco, l’ascolto, la perseveranza, ecc).
Di solito la tappa fondamentale del percorso è la visita alla masseria – luogo di grande valenza storica in Puglia perché luogo di lavoro e del vivere insieme – con una o più attività:
– Conoscenza e raccolta delle erbe di campo con un esperto agronomo;
– La panificazione ossia la preparazione e la cottura del pane nel forno a legna come si faceva in passato;
– Conoscenza e approfondimento dell’orto sinergico e il ciclo delle stagioni;
– Lavorazione dei prodotti agricoli latte, formaggi, mozzarelle.
Diverse volte ho realizzato percorsi di Outdoor training utilizzando la bicicletta elettrica (a pedalata assistita) percorrendo strade secondarie a basso traffico potendo scoprire e godere di tragitti più lunghi a un ritmo più veloce ma allo stesso tempo nel rispetto della sostenibilità ambientale.

E’ una semplice gita?

In molti lo pensano e sicuramente si sbagliano, ma io ti chiedo: ed anche se lo fosse?
Non ritieni che possa essere bello e interessante trascorrere insieme una giornata dove al centro non ci sono gli ordini, il magazzino, la produzione e via dicendo? La nostra professionalità si esprime al massimo quando ignoriamo ciò che siamo realmente? La vita di famiglia, la salute, le amicizie, la natura, quanto influenzano le nostre performance lavorative?
Quante volte mi sono sentito dire che è meglio acquistare un nuovo software per gestire i clienti che spendere soldi per una gita. E quante volte ho risposto che quel software non serve a nulla se non ci sono persone che lo vogliono usare.
Ho usato volutamente il verbo volere e non sapere, perché quello che serve in un gruppo di lavoro aziendale non è semplicemente il saper fare qualcosa ma il Voler fare qualcosa ossia la motivazione.
Hai mai sentito parlare di Empowerment ? (leggi questo articolo)
Conosci come si genera motivazione? Forse anche portando i propri collaboratori ad una gita in Valle d’Itria.

Roberto Lorusso
Founder and Ceo Duc In Altum srl

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Comments are closed.