Strategia aziendale? E’ come viaggiare!

Strategia aziendale

La strategia aziendale? Crearla, in un processo di pianificazone strategica, è come viaggiare.

Hai in mente dove vuoi andare, i luoghi che desideri visitare (la tua meta) ma finché non decidi concretamente i passi da fare e non ti attivi verso tale direzione rimane solo un sogno.

Se stai progettando una strategia aziendale ma non sai da dove partire, per raggiungere la tua meta, qui puoi trovare alcune risposte.

Prima di tutto voglio darti “la risposta”alla domanda più importante che ci si pone nell’avviare un processo di pianificazione strategica in azienda.

Da dove parto? Semplice!… Dalla fine.

Si, hai capito bene!

Per avviare una strategia aziendale di successo, devi partire dalla fine.

In altre parole, decidi prima quale futuro vuoi raggiungere e solo dopo progetta il tuo presente.

In questo modo, la tua strategia aziendale, oltre ad essere in linea con i tuoi desideri, sarà molto più efficace.

Perché?

Per spiegartelo concretamente ti devo parlare, innanzitutto, di 3 concetti chiave:

[unordered_list style=”star”]

  • Forecasting.
  • Backcasting.
  • Pianificazione Strategica.

[/unordered_list]

Strategia aziendale: IL forecasting

Ci hanno sempre insegnato che il futuro è lineare.

Si progetta per gradi: l’anno prossimo, tra 3 anni e così via.

Questo è un classico approccio di tipo previsionale che procede per proiezioni successive.

Stai attento!!!

Utilizzare questo approccio è dannoso per la tua strategia aziendale.

Provo a spiegartelo con un semplice esempio.

Nell’ultimo viaggio che hai fatto, qual è stata la tua prima decisione?

Posso immaginare sia stata la destinazione finale. Giusto?

Magari poi hai  pianificato qualche sosta (avevi bisogno di un buon caffè per rimanere sveglio!), in funzione della distanza e del tempo necessario a raggiungere la meta.

Ti è mai capitato di fare il contrario?

Cioè decidere che la tua destinazione fosse il primo autogrill e poi un altro autogrill e così via? 

E’ assurdo, vero?

Non ho mai sentito di nessuno che organizza viaggi così!

[highlight]Eppure è ciò che avviene regolarmente nelle nostre imprese.[/highlight]

Quante volte pensiamo:

[unordered_list style=”tick”]

  • l’anno prossimo voglio fare 5 mln di euro di fatturato.
  • Tra 2 anni avrò 20 persone in più.

[/unordered_list]

Lasciamo, cioè, che la nostra strategia aziendale sia guidata dal forecasting.

Progettare l’impresa in questo modo, vuol dire pensare alla stessa impresa senza i problemi di oggi.

In realtà, quindi, non stiamo facendo strategia aziendale, ma stiamo solo risolvendo problemi di tipo gestionale.

Voglio essere ancora più esplicito: questo non è cambiamento.

 

Il Backcasting

Se invece utilizzi questo sistema ovvero quello di proiettare a ritroso, la prima domanda (ed anche la più importante) che ti fai è:

Qual è la grande meta che la mia impresa deve raggiungere?

In sostanza, definisci la tua visione di futuro. Molto semplice, no?

Basti pensare alla strategia aziendale come ad un viaggio.

Il vantaggio più immediato è quello di aver dato alla tua impresa una direzione verso la quale camminare, ovvero proprio ciò che manca alle imprese oggi.

Diversamente (con il forecasting), non puoi avere una direzione, ma solo una serie di buoni propositi.

Quindi, anziché avere una tua strategia aziendale sei parte della strategia di qualcun altro.

Che probabilmente non conosci e che sicuramente non ha i tuoi stessi scopi. Anzi…

 

La pianificazione strategica

Ed è qui che entra in gioco la pianificazione strategica. Attraverso questa metodologia, sarai in grado di stabilire il percorso migliore per conquistare la vetta.

O se preferisci, raggiungere la tua destinazione.

Sarà importante definire, oltre a dove vuoi arrivare, anche da dove parti.

Il tuo punto di partenza, infatti, ti fa capire quanta strada devi percorrere. Inoltre, solo se sai dove ti trovi oggi puoi scegliere la strada migliore per raggiungere il tuo domani.

Per definire la tua situazione attuale, hai bisogno di un’ analisi di contesto  della tua impresa e li strumenti che hai a disposizione possono essere i più svariati:

[unordered_list style=”tick”]

  • swot analysis
  • scenari di mercato
  • balanced scorecard
  • analisi della concorrenza
  • analisi degli stakeholder
  • ecc.

[/unordered_list]

Sei tu a decidere il grado di analisi.  Più vai a fondo e maggior consapevolezza delle tue forze acquisisci.

Per una strategia aziendale efficace, devi considerare un arco temporale di almeno 5 anni.

Un orizzonte temporale così lungo (soprattutto in periodi di crisi) può essere difficile da gestire.

Per questo, devi semplificare il percorso scomponendolo. Devi, cioè, stabilire un numero preciso di tappe intermedie (milestone) per arrivare a destinazione.

Ad esempio, se intraprendi un viaggio da Roma a Venezia, avrai bisogno almeno di una sosta (se non due).

E qui ritorna il backcasting.

Visualizza la meta, guarda indietro e descrivi cosa è accaduto per ogni periodo del percorso.

Tutto questo duro lavoro di pianificazione, è più semplice se inizi dalla fine.

E’ sempre il futuro della tua impresa che definisce le azioni che oggi devi compiere, mai il contrario!

Come avrai capito, la pianificazione strategica combinata con il back casting ti permetterà di progettare ed eseguire con maggior efficacia la tua strategia aziendale per un successo garantito e duraturo nel tempo.

Roberto Lorusso
Founder and Ceo Duc In Altum srl

2 thoughts on “Strategia aziendale? E’ come viaggiare!

  1. […] penalizzando le dinamiche relazionali, decisive nell’implementazione critica e attenta delle strategie aziendali. […]

  2. […] È questa la prima responsabilità di un leader. È questo il lavoro dello stratega. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*