Il tesoro nascosto

Mappa del Mondo

“Gli umanesimi che si sono mostrati capaci di futuro, sono fioriti grazie a rapporti non predatori con il tempo e con la terra. Il tempo e la terra non li produciamo; li possiamo solo ricevere, custodire, accudire, gestire, come dono e promessa. E quando non lo facciamo, perché usiamo tempo e terra a scopo di lucro, l’orizzonte futuro di tutti si annuvola e si accorcia”.

Questo profondo pensiero del prof. Luigini Bruni, CI METTE SERIAMENTE NELLE CONDIZIONI DI PIANIFICARE IL FUTURO DELE NOSTRE AZIENDE.

Da dove partire?

In primo luogo ho riflettuto che esiste una parte della nostra terra e di tutte quelle cose che consideriamo “nostre” che dobbiamo lasciare agli “altri”. Infatti tutto ciò che abbiamo lo abbiamo ricevuto in dono e non possiamo considerarlo tutto per noi.

Appartiene anche all’altro da me e da te, che non è mai così “altro” da uscire dall’orizzonte del “noi”.

Ho pensato di poter affermare che: Tutti i veri beni sono beni comuni.

Non so quanto tu lo condivida, ma penso che nel prossimo futuro (direi meglio, imminente futuro, cioè domani):

il grado di umanità e di civiltà vera di ogni società si misurerà sulla base dello scarto tra l’economia delle merci (consumi) e l’economia della condivisione (dono).

Le comunità che non riconosceranno il “dono” resteranno, purtroppo, comunità non accoglienti, prive di fraternità continuando ad impossessarsi di cose e di persone… che brutta prospettiva!

Ma noi vogliamo scoprire il tesoro che si nasconde nel 2015. Ti chiederai quando e come.

Quando impareremo a non “mettere a reddito” solo per noi, cose e relazioni. Quando le nostre aziende saranno capaci di generar ebenessere per tutti.

Solo allora faremo crescere una sana economia, la vera creatività ed una innovazione a favore della vita.

Roberto Lorusso
Founder and Ceo Duc In Altum srl

                                                                                                                                                                                      

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*